-

Lettera CITDS alla ASp di Agrigento che non si smentisce mai

LETTERA INVIATA VIA PEC IL 9 OTTOBRE 2018 ALLE ORE 16.00

Spett. Direttore Amministrativo ASP Agrigento
Dott. Francesco Paolo Tronca

Spett. Direttore SEFP
Dott. Antonio Fiorentino

e.p.c.

Spett.le Commissario ASP Agrigento
Dott. Gervasio Venuti
protocollo@pec.aspag.it
Loro Sedi

oggetto: situazione delle remunerazioni alle Strutture Specialistiche Accreditate – Comunicato Direttore Amministrativo.

Perviene alla scrivente un comunicato diramato dalla ASP di Agrigento, a firma del Direttore amministrativo, Dott. Francesco Paolo Tronca e del Direttore del SEFP Dott. Antonio Fiorentino, che, a tutta apparenza, sembra una difesa d’ufficio per Funzionari ed UU.OO. Responsabili del grave ritardo nelle remunerazioni, accumulato dalla ASP di Agrigento, in danno degli Specialisti Accreditati Esterni.
Fermo restando che la L. 205 del 27 dicembre 2017, entrata in vigore il giorno 1 gennaio 2018, impone l’anticipazione dell’obbligo di fattura elettronica al 1 luglio 2018 e che, quindi per quella data la ASP avrebbe già dovuto essere pronta, avendo avuto 6 mesi di tempo per provvedere a far andare in corso il nuovo sistema di fatturazione, ancor più grave ed ingiustificabile appare il fatto che al 1 ottobre 2018, ben 10 mesi dopo la pubblicazione della norma, la stessa Asp si trovi nelle condizioni non solo di dovere collaudare il sistema, ma per di più di fallire il collaudo a causa di “alcuni inconvenienti tecnici, durante i collaudi di sicurezza dei flussi e nel corso degli aggiornamenti del data base, che hanno dato luogo ad un necessario periodo transitorio di assestamento. Ciò ha cagionato un ritardo nelle procedure di pagamento. Tutto il personale amministrativo e tecnico competente nella specifica materia sta assicurando ogni utile sforzo per normalizzare la tempistica di liquidazione e pagamento. Si prevede che la problematica potrà essere positivamente risolta entro il 20.10.2018”.
Pur essendo confortati dalle ultime rassicurazioni del comunicato, non può essere sottaciuta la situazione della ASP di Agrigento, in cui le remunerazioni delle Strutture e dei professionisti sono lasciate, per non dire abbandonate, alla discrezionalità ed alle necessità tempistiche dei singoli Distretti, con la conseguente gravissima disparità di trattamento tra pari strutture all’interno della stessa ASP.
Se a questo si aggiunge il cronico ritardo con cui vengono poste in essere ordinariamente le liquidazioni delle competenze alle Strutture da tempi ben precedenti a quelli della fatturazione elettronica ( ad oggi 5 Distretti su 7 sono in attesa della remunerazione delle prestazioni erogate nel mese di giugno 2018 e tutte le Strutture attendono ancora la liquidazione dei conguagli 2016 e 2017 e delle economie 2016 e 2017 ), si comprende come il solo sospetto che il personale amministrativo e tecnico competente nella specifica materia che sta assicurando ogni utile sforzo per normalizzare la tempistica di liquidazione e pagamento sia lo stesso che fino ad oggi si è occupato della materia, possa trasformare il senso di conforto in sconforto e, nei soggetti più deboli, in panico e terrore.
Si ritiene necessario sottolineare come i colpevoli ritardi, definiti nel comunicato in oggetto “ alcuni inconvenienti tecnici……. che hanno dato luogo un necessario periodo transitorio di assestamento”, si traducano per le Strutture ed i Professionisti in sforamenti degli affidamenti bancari con interessi aggiuntivi, in interventi di pignoramento della Agenzia per le Entrate, in assoggettamento a sanzioni DURC, in decreti ingiuntivi da parte dei fornitori e nella impossibilità di mantenere i livelli qualitativi delle Strutture.
Questi ultimi puntualmente ed immediatamente rilevati e sanzionati da codesta ASP e dagli Organi Regionali di Controllo !!!
Pertanto, pur apprezzando nella sua certamente nobile ispirazione il comunicato in oggetto citato, la scrivente non può sottacere che si continui a produrre danno alle Strutture ed ai Professionisti con una leggerezza ed una continuità preoccupante, incuranti anche degli accordi raggiunti in sede sindacale.
Per quanto sopra,
DIFFIDA CODESTA ASP DI AGRIGENTO

a procedere all’immediata liquidazione delle competenze ad oggi maturate in favore delle Strutture e dei Professionisti Specialisti Accreditati Esterni

SI RISERVA

di promuovere azioni ingiuntive per il pagamento delle competenze e risarcitorie per i danni ad oggi procurati alle Strutture ed ai Professionisti Accreditati Esterni e di verificare la esistenza di comportamento antisindacale e di agire di conseguenza.

CHIEDE

accesso visione atti con eventuale estrazione degli stessi o di parte di essi, in merito a liquidazioni competenze a Specialisti Accreditati Esterni, fornitori di Beni e Servizi, Farmaceutica e Case di Cura Private per gli anni 2014, 2015, 2016, 2017, 2018, con particolare riguardo alle note di trasmissione dei mandati alla Tesoreria Aziendale.
Quanto sopra viene richiesto ai sensi ai sensi della L. 241/1990 e successive modifiche ed integrazioni, L.R 10/1991 e successive modifiche ed integrazioni, DP REG 12/1998, L.R 10 /2000 art 21, DPR 352/1992, L. 340/2000 art 3 e art 15, DLgs 196/2003, Art. 328, comma 2 del C.p.p

IL COMUNICATO DELLA DIREZIONE GENERALE
img_5166-05-10-18-11-11