-

COMUNICATO

Ieri 28 marzo 2017, nei locali dell’Assessorato della Salute, in Piazza O.Ziino a Palermo, si è tenuta la riunione, a seguito della convocazione del 23 marzo 2017 da parte dell’Assessore, On. Dott. Baldo Gucciardi, delle rappresentanze sindacali.
Alla riunione, avente per oggetto la Risoluzione n° 65/2017 della VI Commissione Legislativa presso la ARS ed il vigente decreto 1 febbraio 2017 “Aggiornamento delle direttive per l’aggregazione delle strutture laboratoristiche della Regione siciliana”, hanno preso parte, oltre le rappresentanze di Categoria, i Funzionari dell’Assessorato, coordinati dalla Dott.ssa Marina Valli, Capo di Gabinetto dell’Assessore.
Nel corso della riunione, i Funzionari hanno affrontato i temi della risoluzione n°65/2017 della della VI Commissione Legislativa presso la ARS, comunicando l’insediamento presso l’Assessorato di un tavolo di valutazione interno all’Assessorato, composto dai Direttori Amministrativi delle AA.SS.PP. siciliane e dalla dirigenza assessorile per cercare di dare uniformità ed individuare criteri omogenei per la applicazione del D.A. 170/2013.
La Dott.ssa Valli ha precisato che gli esiti dei lavori saranno oggetto di confronto con le rappresentanze di Categoria.
Per quanto riguarda il riordino della rete dei laboratori, la Dott.ssa Valli ha comunicato che, alla luce del contenuto dei ricorsi al TAR e della risoluzione n° 65/2017 della VI Commissione Legislativa presso la ARS, è intendimento dell’Assessorato procedere ad una ulteriore modifica del decreto , aggiungendo come possibilità ulteriore di aggregazione il “contratto di rete” sul modello normato dalla Regione Basilicata al punto 4 comma “e” del decreto di riordino della rete dei laboratori di analisi.
Questo comporterebbe la possibilità per gli attuali “punti di accesso” di mantenere “dignità giuridica” attraverso il mantenimento della titolarità del rapporto di accreditamento e della autorizzazione sanitaria e la riacquisizione della possibilità di operare anche la fase analitica.
In realtà, in tal modo ritornerebbe in possesso delle Strutture il rapporto con il SSN ed il governo del proprio destino.
La Dott.ssa Valli ha informato anche che verrà attuata una revisione del CRQ e delle VEQ finalizzata ad uno snellimento procedurale e ad uno sgravio dell’onere finanziario a carico delle Strutture.

Categoria: Sicilia

La tua email non sarà visibile. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*