-

LETTERA DA INVIARE ALLE ASP IN RISPOSTA ALLA NOTIFICA DI RECUPERO SOMME

A SEGUIRE TROVERETE IL TESTO DA INVIARE ALLE ASP IN RISPOSTA ALLA NOTA DI COMUNICAZIONE DEGLI IMPORTI DA RESTITUIRE. VA’ INOLTRATA ENTRO I TERMINI PREVISTI DALLA NOTA ASP.

Spett. :
- Commissario straordinario ASP di______________________
- Dipartimento della Programmazione e della Organizzazione
delle Attività Territoriali e dell’Integrazione Socio Sanitaria
- U.O.C. Programmazione e Organizzazione delle Attività Cure Primarie
- U.O. – Specialistica Ambulatoriale Interna ed Esterna
Via _________________________________ n° _________
CAP _______________ LOCALITA’________________________________

Oggetto: Vs. Nota del …… ….. Prot. N° ……………“
In riscontro alla Vostra in oggetto, ed ai sensi e per gli effetti degli artt. 9 e segg. L. 241/90, si rileva quanto segue.

1) Preliminarmente, si diffida codesta Azienda ad effettuare alcun recupero, in
qualsiasi forma, in considerazione dell’ordinanza n. 406/2013 del 7/6/2013,
resa dal TAR Sicilia che, sospendendo gli effetti dell’art. 2 del D.A. 170/2013 inibisce tuttora il recupero delle maggiori somme erogate rispetto a quelle corrisposte in applicazione del D.A. 1977/2007;
2) Nella nota si fa cenno “in esecuzione delle direttive assessoriali regolanti la
materia” sconosciute e sicuramente, se ed in quanto esistenti, adottate in aperta violazione degli accordi sindacali sottoscritti in data 19 e 25 febbraio c.a.;
3) Nella nota si comunica il conguaglio per il periodo gennaio – maggio 2013,
“secondo i tariffari vigenti tempo per tempo”. A tal proposito, si chiede di conoscere in dettaglio la tariffa “tempo per tempo” adottata in applicazione del disposto dell’art. 8 D.L. 31/12/2007 n. 248, nel testo modificato dalla L. 28/2/2008 n. 31 che modificando l’art. 1 co. 170 L. 311/2004, dispone “con cadenza triennale a far data dall’emanazione del decreto di ricognizione ed eventuale aggiornamento delle tariffe massime di cui al precedente periodo, e comunque, in sede di prima applicazione, non oltre il 31 dicembre 2008, si procede all’aggiornamento delle tariffe massime, anche attraverso la valutazione comparativa dei tariffari regionali, sentite le società scientifiche e le associazioni di categoria interessate”. Obbligo, questo, inderogabile, ribadito dalla sentenza della Corte Costituzionale n. 94/2009.
4) L’importo indicato nella nota comunicata è “tenuto conto del ticket
effettivamente riscosso pari ad €……………………………………..”. Pertanto, si chiede di conoscere l’esatto ammontare della quota di ogni ticket che sarebbe stato “indebitamente percepito” che deve essere obbligatoriamente restituito al singolo utente, che lo ha pagato. Utente che codesta Amministrazione ha l’obbligo di indicare nominativamente;
5) Infine, ai sensi e per gli effetti della L. 241/90, si diffida codesta Azienda “a
procedere ad effettuare il conguaglio, decorsi trenta giorni dal ricevimento della presente senza ulteriori comunicazioni al riguardo”, essendo obbligo dell’amministrazione valutare la presente memoria, sicuramente pertinente all’oggetto del procedimento.
Corre l’obbligo di avvertire che in mancanza, ed in considerazione dell’enorme danno causato, si adirà ogni giurisdizione civile, penale e contabile al fine dell’accertamento delle responsabilità personali anche del funzionario che ha agito.

Palermo,

Dott.
Legale rappresentante della Struttura

Categoria: Sicilia

La tua email non sarà visibile. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*