-

IL CGA FA SALTARE LA SCADENZA DEL 31 DICEMBRE 2015 PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLA SOGLIA DELLE 100.000 PRESTAZIONI. E’ FINITO IL TEMPO DELLE PERE ?

ALLEGATO A sospensiva scadenza soglie
ALLEGATO B DA 1006-2014

CON UN ULTERIORE PROVVEDIMENTO, DATATO 4 SETTEMBRE 2015, FACENDO SEGUITO ALLA ORDINANZA PRESIDENZIALE DEL 13 LUGLIO 2015 SU RICORSO DELLA FEDERBIOLOGI, IL CGA HA SOSPESO IL DECRETO 1006/2014 ED HA FISSATO LA UDIENZA PER LA DECISIONE DEFINITIVA PER GENNAIO 2016.
QUESTO COMPORTA IN AUTOMATICO LO SLITTAMENTO DEI TERMINI PER L’INGRESSO DELL’OBBLIGO DEL RAGGIUNGIMENTO DELLE 100.000 PRESTAZIONI DA PARTE DELLE STRUTTURE, PRECEDENTEMENTE FISSATO PER IL 31 DICEMBRE 2015.
MA, SOPRATTUTTO COMPORTA LA NECESSITA’ DI RIVEDERE L’INTERA MATERIA ANNULLANDO TUTTI GLI ATTI PRECEDENTI FRUTTO DI IMPROVVISAZIONE E DI MANCATA CONOSCENZA DEL SISTEMA DA PARTE DI DIRIGENTI, FUNZIONARI E “CONSULENTI” DELL’ASSESSORATO, CHE IN QUESTI ANNI SI SONO AVVICENDATI NEI POSTI DI RESPONSABILITA’, TROVANDO OTTIMA SPONDA NEL PRESSAPPOCHISMO E NELLA PIAGGERIA DI FUNZIONARI E DIRIGENTI DELLE ASP SICILIANE,
SEMPRE PRONTI AD APPLICARE CON CATTIVERIA NORME GIA’ DI PER SE CATTIVE.
E’ IL MOMENTO FORSE PER LE ORGANIZZAZIONI DI CATEGORIA CHE IN QUESTI ANNI HANNO COMBATTUTO QUESTO SISTEMA DI OPERARE OTTUSO E DISTRUTTIVO, DI PRENDERE IN MANO LA SITUAZIONE CON DECISIONE E DI PROPORRE IL QUADRO NORMATIVO CHE SOSTITUISCA IL SISTEMA ILLOGICO E SCHIZOFRENICO ATTUALE, CON UN SITENA RAZIONALE ED UTILE AI PAZIENTI ED ALLA SALUTE PUBBLICA E CHE CONSENTA AGLI OPERATORI DI RENDERE IL LORO SERVIZIO CON SERENITA’ E CERTEZZA DEL FUTURO.
UN SISTEMA IN CUI LE REGOLE SIANO CERTE, VERAMENTE UTILI E SOPRATTUTTO RISPETTATE DA TUTTI.
E’ IL TEMPO DI FINIRLA CON I REQUISITI RISPETTATI A MACCHIA DI LEOPARDO. SONO STRUTTURE ANCHE QUELLE PUBBLICHE!!!
E’ IL TEMPO DI FINIRLA CON I CONTROLLI EFFETTUATI, IN PALESE CONFLITTO DI INTERESSE DA CHI DOVREBBE, A SUA VOLTA, ESSERE CONTROLLATO.
E’ ORA CHE L’ASSESSORATO SI ASSUMA LE PROPRIE RESPONSABILITA’ E PRODUCA UN EFFETTIVO RINNOVAMENTO AL SUO INTERNO, SMETTENDO DI AFFIDARE RESPONSABILITA’CHE COINVOLGONO IL DESTINO DEI MALATI E DI DECINE DI MIGLIAIA DI OPERATORI NELLE MANI DI IMPROVVISATORI “DISTACCATI” E DI DIRIGENTI INCAPACI DI DISTINGUERE UN CHIODO DA UNA SIRINGA.
PER QUESTO CONFIDIAMO NELLA SAGGEZZA E NELL’EQUILIBRIO DEL NUOVO ASSESSORE, IL QUALE DA “UOMO DI SANITA’” SAPRA’ BEN DISTINGUERE IL BENE ED IL MALE E SAPRA’ AFFIDARE LA SALUTE PUBBLICA NELLE MANI PIU’ IDONEE.
SU QUESTA STRADA AVRA’ TUTTO IL NOSTRO APPOGGIO E LA NOSTRA COLLABORAZIONE.

Categoria: Sicilia

La tua email non sarà visibile. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*